Una cena per Casa Sudafrica: a ricevimento dall’Ambasciatore del Sudafrica

L’Argentina di Beatrice: tre mesi da volontaria
30 Maggio 2016
Pronti con il Centro Comunitario di Formazione in Swaziland
14 Giugno 2016
Mostra tutto

Una cena per Casa Sudafrica: a ricevimento dall’Ambasciatore del Sudafrica

maisonlus_ambasciata cena raccolta fondi4Si rinnova il sodalizio tra l’Ambasciata del Sudafrica e il MAIS Onlus in favore dei nostri progetti nella terra di Mandela.

Come ogni anno, anche ieri sera si è tenuta una serata di raccolta fondi presso la splendida cornice della residenza romana dell’Ambasciatore Nomatemba Tambo, che ha generosamente ospitato e offerto una cena agli amici del MAIS Onlus.

Ad accogliere gli ospiti il Ministro plenipotenziario Sheldon Moulton e la nostra coordinatrice progetti, Loredana Rabellino. Un prolungato tramonto ha accompagnato gli invitati presso la terrazza del palazzo. C’era chi in Sudafrica c’e già stato e ne è rimasto stregato, chi non vede l’ora di andarci per la prima volta, e chi pur non conoscendo da vicino le problematiche di una terra magnifica ha voluto esserci, per assaporarne l’atmosfera e sostenere i nostri progetti.

Una serata importante di solidarietà, dunque, che ha permesso di raccogliere 7500 € a sostegno della Casa Sudafrica, la casa famiglia Saint Christopher’s a Yeoville, nella periferia di Johannesburg. I fondi raccolti serviranno a costruire un impianto fotovoltaico sul tetto della casa per abbattere i costi elevati dell’elettricità, generando così autosufficienza energetica. Il costo totale di realizzazione del progetto è di 10.000 €, e siamo certi che con il vostro sostegno a breve raggiungeremo insieme il traguardo.

Un ringraziamento speciale ai numerosi ospiti, all’Ambasciatore Nomatemba Tambo, al Ministro Plenipotenziario Sheldon Moulton, alle Ambasciate di Algeria, Angola, Mauritania, Sud Sudan e agli ambasciatori presso la FAO del Lussemburgo e Svizzera, nonchè ai nostri amici di Servizi Cherubini CateringAfriwines.

Non resta che darvi appuntamento all’anno prossimo, grazie a tutti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *