Fattoria Madagascar

banners-lungo-scarica-dom-adesione1-300x52  Fattoria Madagascar banners lungo scarica dom adesione1  chiedi-maggiori-informazioni-300x52  Fattoria Madagascar chiedi maggiori informazioni

STORIA

Il Madagascar ha conosciuto negli ultimi anni una rapida crescita demografica. Tuttavia, la forte disoccupazione e le condizioni precarie in cui vivono i giovani ostacolano lo sviluppo del Paese. Molte famiglie hanno origine contadina ma non dispongono delle risorse necessarie per coltivare la terra in modo efficiente. Jean François Ratsimbazafy, referente di MAIS Onlus in Madagascar, iniziò a riflettere sulle possibilità di autosviluppo dell’area di Antsirabe, in particolare del settore agricolo. Nel 2011 è stata avviata la Fattoria Tsinjo Lavitra, che in malgascio significa “sguardo rivolto al futuro”, come risultato di un processo partecipativo durato anni e che ha coinvolto i contadini locali fino alla costituzione di una vera cooperativa contadina.


OBIETTIVI

Attraverso la Fattoria, l’impegno di MAIS Onlus in Madagascar intende:

  • garantire un reddito alla popolazione locale grazie all’organizzazione del lavoro secondo principi di cooperazione e solidarietà;
  • offrire una formazione adeguata sui metodi di coltivazione della terra attraverso incontri formativi con agronomi locali e nel rispetto delle tradizioni lavorative dei contadini;
  • promuovere lo sviluppo dell’area attraverso il coinvolgimento dell’intera comunità locale nella creazione di nuove opportunità di lavoro che rendano la popolazione autosufficiente;
  • sensibilizzare l’intera comunità all’importanza della salvaguardia del territorio.

TRAGUARDI

I numerosi e significativi traguardi del progetto Fattoria hanno favorito nel tempo il consolidamento di un processo di autosviluppo di cui la zona aveva bisogno. In particolare:

    2018-2020
    • i fondi concessi dalla Tavola Valdese hanno permesso la realizzazione di due pozzi, uno di acqua potabile l’altro di uso agricolo, con relativi serbatoi e fontane utili per l’approvvigionamento domestico (progetto in fase di ultimazione);
    • avvio della collaborazione con gli studenti tirocinanti di Agraria dell’Istituto Gesuita Bevalala di Antananarivo;
    • realizzazione dell’Orto di Serena
    2016-2017
    • è stato potenziato l'impianto fotovoltaico grazie alla Tavola Valdese;
    • sono state avviate alcune collaborazioni (IFAD - FAO e Ministero dell'Agricoltura e Foreste) che hanno dato autorevolezza all'intero Progetto;
    • la vendita del latte prodotto dalle mucche ha permesso di assicurare il sostegno scolastico ai figli dei contadini;
    • è stato costruito un hangar essiccatoio destinato alla conservazione del fieno e all’essiccazione delle brichette combustibili;
    • grazie ai fondi raccolti con la Stracittadina 2016, è stata costruita la stalla e sono stati acquistati 10 zebù
    2015
    • è stata ristrutturata la stalla, sono stati acquistate 4 mucche da latte grazie ai fondi raccolti con la Stracittadina 2015 ed è stato ampliato l’allevamento di animali da cortile;
    • è stata portata a compimento la costruzione di 4 hangar per la raccolta e lo stoccaggio di compost. Il progetto è stato sostenuto con i fondi della Tavola Valdese;
    • è stato realizzato un edificio adibito a sede operativa per la Cooperativa di contadini, è stata restaurata la casa del custode e sono stati realizzati servizi igienici con docce e lavatoi pubblici attigui all’edificio principale della Fattoria
    2014
    • è stato completato anche l’impianto di irrigazione ed è stato possibile avviare nuove attività economiche, tra cui la produzione di brichette combustibili ecologiche
    2013
    • grazie ai fondi del 5 per mille e ad alcune raccolte ad hoc, è stato restaurato l’edificio principale ed è stato installato un impianto fotovoltaico che ha portato l'energia elettrica alla Fattoria
    2012
    • un gruppo di contadini, provenienti dai villaggi limitrofi, si è organizzato per gestire la fattoria in modalità cooperativa
    2010-2011
    • grazie ai fondi del 5 per mille, è stato possibile dare avvio all’intero progetto con l’acquisto del terreno, di un trattore e di un furgoncino

NECESSITÀ

È possibile sostenere la Fattoria in Madagascar versando una quota mensile da 15 euro che consente la conduzione della Fattoria (acquisto di attrezzi per il lavoro e manutenzione ordinaria).

banners-lungo-scarica-dom-adesione1-300x52  Fattoria Madagascar banners lungo scarica dom adesione1  chiedi-maggiori-informazioni-300x52  Fattoria Madagascar chiedi maggiori informazioni