Donna sicura

OBIETTIVO

Prevenzione, diagnosi e cura delle patologie femminili più diffuse.

Il progetto necessita mensilmente di 500 euro mensili (6000 euro l’anno) per garantire a circa 12.000 donne ogni anno di potersi sottoporre a pap-test, colposcopie e analisi sierologiche per la diagnosi della sifilide e del virus dell’HIV/AIDS.

Lo Swaziland, Paese al mondo con il più alto tasso di infezione da HIV/AIDS, non dispone di un sistema standardizzato per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili e delle patologie femminili più gravi. In questo contesto la Clinica Swaziland, finanziata da MAIS Onlus attraverso un progetto di sostegno a distanza, offre dal 2008 indagini mediche di diverso tipo in forma gratuita, con un bacino d’utenza di circa 20.000 persone.

Il progetto Donna Sicura si rivolge alla popolazione femminile per offrire assistenza nelle fasi di prevenzione, diagnosi e cura di patologie infettive e/o infiammatorie e del cancro alla cervice uterina, che costituisce la prima causa di morte per cancro tra la popolazione femminile nel Paese.

TRAGUARDI

  • Dall’ottobre 2010 la Clinica fornisce il pap-test, la cui fruizione è progressivamente aumentata e oggi si effettuano dai 20 ai 30 esami alla settimana;
  • dal novembre 2010 è disponibile la colposcopia, un esame di secondo livello che permette un approfondimento della diagnosi in caso di pap-test positivo. La Clinica rimane tuttora l’unico centro nel Paese a soffrire questo tipo di indagine;
  • dal 2012 è possibile effettuare interventi di piccola chirurgia ambulatoriale, praticabili in anestesia locale, anche per patologie di natura ostetrico-ginecologica;
  • grazie al lavoro volontario di medici italiani specializzati viene offerta unaformazione ostetrico-ginecologica costante per le infermiere locali che prestano servizio presso la Clinica;
  • agli esami diagnostici e agli interventi di microchirurgia viene affiancato un servizio diconsulenza contraccettiva, che mira a rendere le donne più consapevoli dei rischi legati alle malattie sessualmente trasmissibili.

ALTRI MODI PER AIUTARCI

Puoi contribuire al microprogetto Donna Sicura sostenendo a distanza la Clinica Swazilandcon una quota mensile di 15 euro.
Se sei un medico, puoi inoltre prendere parte attivamente alle missioni annuali presso la Clinica e mettere a disposizione le tue competenze in qualità di volontario. Ti verranno offerti il vitto, l’alloggio, le spese di viaggio e una copertura assicurativa.